mercoledì 3 settembre 2014

Salire

Abitiamo ad un passo dalle montagne:
un'ora d'auto dalle Alpi.


Se vogliamo vederle.

Altra cosa se vogliamo salire.

Un tempo affondavamo i piedi negli scarponi e seguivamo i sentieri.



Perché salire era la nostra passione.

 Poi la ruggine del quotidiano,
dell'altro che spesso riempie le nostre vite
ed anche per il peso degli zaini,
cresciuto con la famiglia,
ci ha fatto immaginare 
le cime 
e i pendii 
e i ruscelli che bagnano i pendii.

Quest'anno siamo tornati.


Perché di salire non ci si dimentica.

Ed ecco la cima,
il colle,
il rifugio,
il blu che taglia l'orizzonte,
che pare vicino
ed invece non arriva mai.



Perché salire è una conquista.

Poi si giunge ad una valletta 
dove la via riposa 
e si tira il fiato,


 il verde tra i pini 
e le radure si avvolgono di nebbia e nuvoloni 



e così il cammino s'affretta 
racchiuso in maglioni ;
poi ancora pietre 
come tessere di un mosaico 
che ti portano alla meta.


Perché salire è pazienza applicata alle tue gambe.

Un ultimo strappo,
il sentiero afferra le erbe,
piume di lana 
che si piegano ai venti delle altezze.


Laghi inaspettati 
e ruscelli che bagnano i pendii:
ora li sfiori oltre l'immaginazione.



Perché salire è una continua scoperta.

Finalmente i tuoi piedi e la fatica ti hanno portato là,
ad abbracciare il colle ventoso.
Pieno lo sguardo,
pieno il cuore:
i battiti possono rallentare,
comincia lo stupore.



Perché salire è unico ed ogni volta una scommessa.

La discesa è un ripercorrere passi consueti,
tornando nel tempo,
respirando bellezze e ricordi:
nuove mete nascoste nelle parole.


Perché di salire non si è mai finito.

Come questi tempi che mi attendono,
giorni di scuola da condurre nell'anno,
vita preziosa di un nipote non  ancora giunto,
progetti ed idee che verranno,
attimi unici di Lollo a Little Rock.


Perché di salire non ne abbiamo mai abbastanza.

Lassù è troppo bello.

Ma l'ultima salita,
quella che si fa senz' altro negli occhi...

Mi piacerebbe chiederlo.

Com'è nonni?


Perché salire è trovare il cielo.

Lorenza




Nessun commento:

Posta un commento