martedì 23 agosto 2016

Insieme raccontiamo (nuovo tentativo)



Ed ecco che ancora una volta partecipo
all'iniziativa di Patricia,
provo in sostanza a giocare con le parole
per continuare,concludere un incipit che lei ha scritto.
Questo era veramente "marino"
e mi sono divertita ad immaginarlo!
Giorni
sospesi tra  vacanze che si concludono e 
nuove pagine da scrivere
per il lavoro 
che ricomincia.

Si prova.


Il suo inizio.


Su una spiaggia, due uomini sulle loro sdraio, sussurravano. Uno dei due chiese all'altro: - E i due desaparecidos?
-Chi? Il Pg e il Mich? I fantasmi di quel blog.. come si hiama... Fanno le sabbiature – e indicò due cumuli di rena da cui spuntavano solo i piedi ad una estremità e i cavetti collegati a due ipod dall'altra. - ma... shtttt! Che se ci sente....
- Mou belin! Ma vuoi che ci senta fin qua? Mica sa dove siamo..
- Eh...miha sa dove siamo.... Maremma proustiana! Non mi fido. Ha orecchie e occhi dappertutto. Mai fasciassi la testa prima d'avella rotta ma....
- Uhm... c'hai ragione, belin.. Ti ghe ragiun
- E poi tu lo sai... home rompe i hohomeri quella, miha li rompe nessuno
- Speremu!
- Eggià! Un se ne pòle più!
Anche i due cumuli di sabbia ebbero un movimento sussultorio. Pure i desaparecidos tremavano a quella possibilità.
In quel momento, si alzò uno strano vento. Tutto era immobile. Non un granello di sabbia si spostava ma verso di loro avanzò un venticello rovente che fece cadere ai loro piedi un foglietto.
Incuriositi lo presero e lo lessero. Sbiancarono.
 
C'era scritto 



Terrorizzati si guardarono attorno.
- Nooooooooooooooooooo!!!!! - urlarono all'unisono.
Al loro grido, i due cumuli di sabbia scoppiarono come geyser buttando sabbia a metri d'altezza. Il Pg e il Mich furono dritti, bianchicci come latte solo i piedi arrostiti dal sole, in mano piadine e arrosticini.
Guardarono nella direzione indicata dagli altri e videro....


Come può andare a finire

Un piccolo  omuncolo dall'aspetto innocuo,pallido,smagrito con strani denti sporgenti ad abbozzare un sorriso.
Già,se si può chiamare sorriso quel ghigno beffardo che cominciò a solleticare l'aria di un pomeriggio afoso.
Non so chi dei quattro capì per primo,o forse chi ebbe il coraggio di guardare negli occhi quella presenza arrivata dal nulla,però quello che venne dietro rimase per sempre negli animi e tra le righe dei pallidi e dei prustiani da sabbia.
La voce che ne uscì si mescolò ai versi dei gabbiani,al solletico del vento,al borbottio dell'ipod dimenticato sotto un sole implacabile.



-Finalmente vi ho trovati,mie cari belin,ed ora dovrete ascoltarmi.
Attoniti i quattro,senza osare un movimento, attesero in silenzio.
-Sono il fantasma dei blog passati,quelli dell'inizio,quando si scrivevano frasi lunghissime,le immagini erano sfocate e gli argomenti si tentavano volta per volta...Vi ricordate quanti giorni per scrivere un post,per pensarlo e poi rimpiangere d'averlo scritto,perché non si andava da nessuna parte...Vi ricordate!!!
Gli amici,che poi non erano tali,ma in quel frangente si sentivano chiamati ad esserlo,annuirono,chi sotto l'ombra,chi con i piedi ormai perduti ,trafitti dai raggi UV .
Sì ,ricordavano le fatiche,le delusioni,gli errori...Ma allora era arrivato il giustiziere dei blog sbagliati,erano forse in pericolo,era meglio darsela a gambe?
Tali e tanti pensieri li attraversavano quando il ghigno riprese:
-No,non erano un problema gli errori,le mancanze,ma semmai c'era qualcosa che oggi avete dimenticato .
Eh,eh eh,lo sentite ancora l'entusiasmo dei primi tempi,il coraggio di scrivere,di riempire il vuoto di pagine virtuali?
Oppure vi siete impigriti e state ad aspettare chissà che cosa sotto questo cielo rovente,concludendo il nulla del nulla?
Il Pg e il Mich capirono per primi(strano) ed abbassarono la testa,da tempo infatti non facevano che nascondersi nella rena per abbandonare ogni pensiero,perdevano ricordi ed ispirazioni collegati ad una rete che li stava imprigionando.
Gli altri si alzarono dallo sdraio,forse colpiti veramente da memorie in parte cancellate e si accorsero che stando ritti le loro pigre certezze,i loro "ti ghe ragiun" avevano perso ogni valore.
Le sinapsi s'attivarono e vennero invasi da memorie, emozioni, immagini che loro stessi avevano creato un tempo,quando qualcosa di diverso li abitava.
-Questa storia la conosco,-declamò il primo uomo senza sdraio-adesso arriveranno altri due fantasmi e la cosa si farà dura,forse insostenibile per noi!
-Noooo!Il fantasma dei blog presenti e quello dei futuri...altro che hohomeri!!!Lo sapevo che sarebbe giunto per noi il momento dell'ora X !
Quest'ultima frase la gridarono in tre,finalmente svegli dopo tante dormite.
-Possiamo fermare tutto,farlo quando vogliamo!
-Sì possiamo ricominciare,trovare il nuovo che sta proprio lì davanti,tornare a scrivere,a sognare in grande e magari anche a sbagliare...
-Abbiamo la nostra possibilità,senza farci seppellire ...
-Ti ghe ragiun!!
Di scatto(da quanto non lo facevano?)si mossero tutti insieme...c'era un obiettivo,un'idea o forse tante,una decisione da prendere,una giornata da concludere e da cominciare.
Non so se fu il sole,il gran caldo d'agosto o i piedi arrostiti,ma ecco che si ritrovarono storditi,buttati a terra con ancora le cuffie al collo.
All'orizzonte nessuno.
Niente ometti,fantasmi o voci ,niente biglietto minaccioso.
Solo due sdraio comode di fronte al mare , due montagne di sabbia svuotate e quattro uomini con lo sguardo fisso .
Questo fu il loro punto d'inizio.






8 commenti:

  1. E bravissima Lorenza! Mi piace assai!
    E poi è così che si fa! Si svegliano i dormiglioni che fanno le ferie! ahhahahahaha
    Ivano e Max ogni tanto postano ma Mich e Pg proprio spariti. Speriamo che Glò li strigli a dovere.
    Grazie!!!

    RispondiElimina
  2. Okay ora dovete proprio darmi i link di Mich e Pg!
    Bel finale Lorenza, da Christmas Carol :D
    Ci sarebbe da dire "to be continued" sui blog di Mich and Pg!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Ci riprovo!

      Semplice Marina
      LANOSTRALIBRERIA
      Però i due schiavisti sono in ferie da secoli... fanno lavorare Glò!!!!! ahahahhaah

      Elimina
  3. sei fortissima, mi piace molto quello che scrivi e come lo scrivi! Un abbraccio lory

    RispondiElimina
  4. ehehehehheeh... che gran botta di sole! Brava Lorenza!Una favola in tema ^_^ ...E le foto sono di uno spettacolare indefinito...
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  5. Bellissimo racconto questo mese non potevano certo mancare anche i fantasmi e ce li hai dati tu.
    Sono con il naso in su a guardare le nuvole e sognare il nuovo inizio.
    Son sempre i sogni a far muovere il mondo.

    RispondiElimina
  6. Anche qui in super ritardo, ma voglio completare assolutamente di questa strabiliante puntata.
    Finale bellissimo, mi è piaciuto un sacco.
    Brava!

    RispondiElimina