mercoledì 15 febbraio 2017

Il Cedro del Libano


Ci sono idee che ti raggiungono
poco alla volta,
un passo innanzi all'altro;
lentamente si fanno strada
fino a coinvolgerti.


Altre volte,
invece,
quasi d'improvviso
ti imbatti in un qualcosa mai visto,
almeno da te,
e ti innamori all'istante...
lo voglio,lo voglio.lo voglio
come da bambini.

Credits

Così
ti metti a cercare,
perlustri il web,
pensi,
misuri,
cerchi di convincere
i tuoi prossimi,
raccogli immagini
e decidi
con il maritino
affidabile
e matto quanto te
di fare due passi in alcune falegnamerie.


La prima,
"Forse non ho quello che cercate..."
"Però potrebbe esserci quella tavola gigantesca
lì da molti anni..
un Cedro del Libano centenario...".

Credits

Amore a prima vista
o forse a primo tatto:
ruvido,
aromatico,
rossiccio,
maestoso,
antico,
perfetto per la mia cucina.


Lui con la sua storia,
il suo essere così speciale,
quasi biblico
nell'essenza preziosa
che qui si vede per lo più in cima a colline
o in giardini monumentali.

Credits

Ti immagini di stare attorno
a meraviglie
che altri son stati capaci
di realizzare.

Credits






Adesso è a casa,


in attesa
d'essere un po' addomesticato,
con le gambe tutte da inventare
(prezioso il maritino!)
e soprattutto
con un peso non indifferente
da portare
fin su dove stiamo noi
e poi
una festa inaugurale
ci sta.


Mi studierò qualcosa.
Emozionata.


5 commenti:

  1. Lorenza che meraviglia!
    Un tavolo così imponente richiede grandi spazi. Belle anche le altre immagini che hai scelto.
    Un caro saluto.
    Marina

    RispondiElimina
  2. Antonella maestrini15 febbraio 2017 19:39

    Stupendo legno pieno di vita !!!

    RispondiElimina
  3. Ci cedo che sei emozionata. Non è un legno anonimo. Quando l'hai sistemato ce lo fai vedere?...

    RispondiElimina
  4. Quanta arte nelle immagini e nelle tue meravigliose parole.
    Il tavolo è stupendooo!!!
    Un grande abbraccio
    Ciao:)
    Luci@

    RispondiElimina
  5. Da ora questo legno nella sua storia porterà le tue storie...che bello facci vedere l'uso che ne farai.valentina

    RispondiElimina