giovedì 6 ottobre 2016

Fall


Tutto è iniziato come di soppiatto.


Infatti i giorni sono stati caldi di sole.
Nulla faceva presagire un qualche cambiamento:
forse un po' di fresco al mattino,
la notte che era certo più lunga
o forse il numero del calendario
che salutava settembre.


Eppure ieri mattina,
in un raro,
anzi rarissimo
(un giorno racconterò anche del mio lavoro)
momento di quiete in classe,
ho guardato dalla finestra
e ho scorto la siepe di pyracantha
invasa da bacche
rosse ed arancioni.


Uno guardo d'intorno
ed ho colto il suo arrivo:
siamo in autunno!


A casa poi
sono partita armata di cesoie
ed ho riempito il cesto 


con le tante bacche
che negli ultimi tempi
sono spuntate
sui rami 
di rose
e cespugli.


Qual miglior uso per me,


che creare subito
una ghirlanda
da porre sulla porta:
colorata,
irregolare,
fitta,
una vite intrecciata
rivestita di muschio secco.


E poi,
via ad incastrare,legare od incollare
rami e rametti colorati 
fintanto che mi pare
proprio simile
al tempo che sto vivendo.


Un saluto per chi viene e va,
che profuma ancora 
di calore


come lo sono certi giorni,
ma che anche sappia di ombra
e foglie
e funghi
come le mattine avvolte nella bruma.


In alto il solito nastro di pizzo,
per appenderla d'ora in poi,
in attesa d'altro che posso scorgere,
immaginare
o scoprire in giro.
Adoro intrecciare ghirlande.


Adoro trovare i materiali nella natura,
nei boschi,


e persino nella siepe della scuola.


Adoro
il mutare delle stagioni
e le sue manine
che ,
come sempre,
cercheranno 
di afferrare,
o meglio smontare
i miei intrecci,
chiamandomi a gran voce...
"Nonna!"









7 commenti:

  1. Adoro l'autunno è da sempre la mia stagione preferita!!!La tua ghirlanda è stupenda come quella vocina che chiama nonna<3

    RispondiElimina
  2. Le ghirlande sono meravigliose, come le tue parole!
    Un caro saluto
    Luci@

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le ghirlande mi piacciono tantissimo! Grazie!

      Elimina
  3. in città l' autunno bisogna rubarlo....
    quindi, quando guardo le tue fotografie, mi sento invasa da ricordi di bimba, paese, colori autunnali, i rossi, gli arancioni, l'aria frizzantina la mattina. Il profumo della legna nelle prime stufe accese.
    Grazie, che mi regali tutto questo
    Emanuela

    RispondiElimina