lunedì 2 marzo 2015

Marzo

Un fiore di Cydonia
inizia la sua avventura,
in questo sole portato da altre arie.


La mimosa,
piegata da nevicate,
pronta a colorare 
la discesa:
ancora un po' di sereno 
e l'inverno,
con lei,
avrà perso la sua sfida.


Il vento delle Alpi 
sfiora ancora le giornate
ed i cinque bottoni
trovano posto
perché di freddo
il piccolo
non ne vuole più sapere.


Colori d'inverno
disposti in esagoni piegati:
un'allegria nuova 
in questo mattino di marzo.


Le frange,
piccole,
come il suo essere tra noi,
sono lì a dimostrarlo.
Voglia di vedere il mondo
senza coperte.


Il modello facile (qui),
l'originalità della geometria
invitante,
il piacere di vestirlo
per il suo incontro
con il tempo nuovo,
esagerato.


Come lo sono loro,
un po' scapigliate,
senza ordine,
bisognose di cure
e di mie cesoie.


Adesso si pota.
Non oggi.
Al mercatino 
mi aspettava
lui.


Mi devo pur sedere
per decidere
da dove cominciare.


O magari per ammirare.



5 commenti:

  1. la meraviglia dei primi fiori e della natura che si colora.......Tommaso venerdì mi ha portato un grande mazzo di mimosa.....va beh, l'ha....presa in prestito dall' albero che faceva capolino dal muro di cinta di un giardino....regalo meraviglioso!
    Bellissimo il giacchino di Noah; io sto sferruzzando un berretto per Unai, per il prossimo autunno, tutto a righe colorate ( così utilizzo gli avanzi di lana.....); terminato quello, tornerò ai lavoretti per neonati...che bello! Purtroppo non so lavorare all'uncinetto, solo con i ferri.
    un abbraccio Emanuela

    RispondiElimina
  2. Sei sicuramente bravissima! Anche mia ma'mma è una campionessa dei ferri! !!Grazie!

    RispondiElimina
  3. Nonostante il disordine dei rami è bellissima!
    Anche lo sgabello mi piace...
    Buona contemplazione!
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Detto da te è un vero complimento!
      Ciao

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina