domenica 25 gennaio 2015

Crescere


Letteralmente,
aumentare i punti bassi
per rendere panciuta
una borsa nuova,
un po' inventata:


fare e disfare
finché il crescere
sembri adatto a tenere
l'accozzaglia
delle mie cose.
Grazie a  Crochetpedia.


Forse è meglio dire,
si allunga,
sopra una catenella bianca
una fiorita di lana,


cresciuta piano piano,
pronta a scacciare
i pensieri grigi,
ad ondeggiare al nostro passaggio,
a sorridere di bottoni avanzati.
Grazie ai fiori Maybelle.


Aspettare il verde,
il giallo dei narcisi
anzitempo,
in un piccolo vasetto
contro questo cielo
ancora freddo,


mai crescere diventa così urgente:
bisogno di novità
sul mio comò,
tra i vetri,
i ricordi,
i silenzi del sonno.
Grazie a Simonetta 
e a quanti
di verde sono colmi.



Che poi questa ciambella cresca,
riempia i bordi
e finisca ad allietare
le nostre merende,
sa di conquista,
di una cosa ben fatta,
un salto in avanti:
mai usata la farina di riso.


Se prendi i tuoi piccoli,
i quattro nati nel tuo abbraccio,
fragili e appesi alla vita
come lo è oggi Noah,


e poi d'improvviso,
o quasi,
saltando su 
compleanni,notti,
pranzi,conquiste,
primi giorni di qualcosa d'importante,
feste e tristezze da colmare,
sguardi e vestiti divenuti corti,
ti ritrovi 
in un crescere avvenuto,
inconsapevole,
attraverso 
e con te..

Con te.

Non si cresce da soli.


Bellissimo.


2 commenti:

  1. sferruzzo sul divano, in una bellissima ma gelida giornata di tramontana, azzurra e blu.La macchina fotografica è già pronta per il tramonto che si annuncia. Sferruzzo per il mio amore di due anni,il pensiero vola a lui e.......a sorellina o fratellino che è in viaggio per arrivare da noi! Sono così felice! un abbraccio Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felice felice per te! Bello saperti lì!
      Un abbraccio

      Elimina

Non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta a Inviami notifiche per essere avvertito via email di nuovi commenti al post.