venerdì 25 settembre 2015

Less is more


C'è stato un tempo
in cui,
attratta dalla vita verde,
dalle varietà fiorite,
dai vasi allineati
nei vivai o nella fiere,
riempivo il mio spazio
di piante,di foglie,
d'infiorescenze
d'ogni tipo.


Quindi rose,arbusti,ortensie
a circondare il terrazzo.


Una giungla
senza forma
che non amo più:
loro sono cresciute troppo
ed io sono alla ricerca del meno.


L'aridità e il caldo appena trascorso
hanno fatto il resto.
Un giorno intero di fatica
per dare il vuoto
a che si siede ancora fuori.


Un gioco di scatole cinesi
per spostare,
cambiare,
senza troppo acquistare
e soprattutto
senza buttare.


Ogni ortensia
o altro arbusto
ha una storia
che s'interseca con la mia:
in pratica mi ci affeziono.


Piccoli tocchi d'autunno
ed ecco che il quadro si dilata
e le tinozze
hanno un nuovo scopo.


I miei a dirmi:
"Ma una volta non amavi l'esagerato?
E ora?".
Mi sa che sono diversa:
i cambiamenti mi piacciono.


Naturalmente
sempre con loro al mio fianco.


Le lettere allo specchio
parlano chiaro:
c'è ancora molto altro.




6 commenti:

  1. Viva i cambiamenti a qualunque età arrivino.valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie,so che sono il motore che ci fa andare avanti!
      Un abbraccio

      Elimina
  2. Imagens lindas.
    Parabéns.
    grande abraço

    RispondiElimina
  3. Bellissime immagini di piante e fiori che danno colore alla nostra vita!
    Un abbraccio da Beatris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione,senza di loro tutto è più grigio!
      Un abbraccio

      Elimina