Passa ai contenuti principali

Calendario dell'Avvento

 
Questa è la storia di un Calendario dell'Avvento 
nato per caso e di molti altri pensieri
 che mi hanno fatto compagnia di questi tempi.
Dopo essermi innamorata dei calendari di Francesca,
ho stampato le  sue etichette numerate,
e sono rimasta alcuni giorni in attesa ,
alla ricerca di altre ispirazioni.


Ed è così che accade:
molte  faccende hanno occupato il mio tempo 
ed essendo io una pessima organizzatrice,
mi son ritrovata la sera del trenta con nulla di fatto.


Già convinta di dover abbandonare questa idea,
mi sono dedicata ad una ghirlanda da porre in cucina,
veloce,rustica e diversa dalle solite.


Con dei legnetti ho costruito una sorta di esagono
annodando le estremità,
come una zattera per capirci.


Poi sul retro ho fissato meglio
 la struttura con la colla a caldo.

Sopra questa figura irregolare 
ho incollato dei dischetti di legno
che avevo trovato giorni prima
in un grande magazzino.

Li ho messi in tondo,anche sovrapponendoli
 e quando l'ho appoggiata sul tavolo della cucina,
con il classico nastro rosso in alto,
pensavo fosse terminata.


Tutt'al più ci si poteva aggiungere una pigna 
ed alcuni rametti di pino.

La figlia grande l'ha osservata esclamando:
"Che ci scrivi sopra?"....
"Nulla...."
Poi ho contato i dischetti ed erano 25....
Incredibile!


In men che non si dica 
ho posto i numeri di Francesca sparsi sul legno,
una catena di luci,
una puntina infilata in un fiorellino rosso
ed ecco che il Calendario dell'Avvento
ha trovato  posto anche a casa mia.


Sempre essere liberi e leggeri,
capaci di cogliere quanto le giornate ,
anche quelle "senza speranza"
hanno da offrirci.


Poi un po' di silenzio,
per la magia da custodire,
per un dicembre che aspettavo da agosto,
per un figlio da riabbracciare 
ed una famiglia americana da accogliere.

Per far posto al sacro che questo tempo sa portare.

3 dicembre,spostiamo la stella.
Buon Avvento

Credits



Commenti

  1. Bellissimo .... molto originale il tuo calendario ghirlanda, bravissima sei un pozzo di creatività. Auguri anche per tutte le cose belle che attendi.
    Gio

    RispondiElimina
  2. Bello e da copiare per la scuola. Buon dicembre.
    sinforosa

    RispondiElimina
  3. Che bello Lorenza!! Una fantastica ghirlanda calendario dell'avvento...la magica atmosfera della neve...
    Complimenti ancora ^_^
    Maris

    RispondiElimina

Posta un commento

Non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta a Inviami notifiche per essere avvertito via email di nuovi commenti al post.

Post popolari in questo blog

I Cacciatori nella Neve:raccontare un dipinto

Tutto comincia da un quadro e da cosa può raccontare.   (Un consiglio,fate partire la musica.)   L'atmosfera,i colori,la ricchezza dei particolari,i personaggi,il silenzio,la fatica dei passi sul declivio,i pensieri,il fascino,il mistero,la fiaba,la malinconia,il passato,la magia,i villaggi,le case,le montagne,il cielo,la luce...tutto davanti ai nostri occhi,ingrandito sullo schermo della lavagna interattiva ,un mattino di febbraio e gli alunni,attenti,seduti tra i banchi. Adoro questi momenti. L'arte di Bruegel stamattina si fa prossima. Diventa un mezzo per crescere,per immaginare,per raccontare,per meravigliarci,per amare qualcuno che molto tempo fa ha incastonato alberi e persone e cielo e montagne in un abbraccio di ghiaccio. Questo è febbraio,dicono i ragazzi. Lo osservano,anzi vogliono i tablet ,i miei nativi digitali ,per ingrandire e vedere cosa vi è altre il vicino,il mostrato ed anche io imparo,scopro e scrivo. Assieme annotiamo tutto.

BEFORE-AFTER

Cosa rimane di tre mesi di Lockdown? Di certo so che esiste  un PRIMA ... spensierato,incasinato di lavoro e attività, di abbracci,di camminate, di progetti per il futuro, di viaggi tanto sognati,di corse in auto e un DOPO ... pieno di pensieri,di incertezze,difficoltà, di nuovi tempi,abitudini, con ancora abbracci,coccole e camminate, ma fatte in modo diverso. In questo BEFORE AND AFTER sono passate mille cose. Ci sono state intere giornate per cambiare la propria casa, come per cucinare lievitati a non finire, progettare lavoretti con il crochet, tagliare e tagliare l'erba del giardino, e naturalmente la onnipresente didattica a distanza che mi ha permesso di seguire una schiera di piccoli bimbi desiderosi di imparare. Senza dimenticare che  progetti per il futuro, hanno continuato ad attecchire, negli angoli più nascosti della mia  mente, come al solito direi. BEFORE La mia ultima camminata, prima dei  due

Puntinismo

Stamattina,nelle due ore libere, pre-prove Invalsi, (chi passa nella scuola comprende), ho fatto un giretto nel mio giardino, più o meno addomesticato. Sembra incredibile. Ogni giorno si apre qualche nuova corolla, rose,ginestre,clematidi,iris,spiree. Questo vento fresco, può non piacere a noi, nuovamente nelle giacche pesanti, ma pare andar bene per le piante: mai osservato delle fioriture così prolungate sugli stessi rami. Sembrano immobilizzate, Vicine,vicine, contro le notti non propriamente di stagione . L'abbraccio della Banksiae al vecchio pero, crea una mescolanza di colori, punti di luce e ombra, di giallo e verde; non si distingue l'uno dall'altra. Solo se ti avvicini, riconosci la rosa e l'albero. Puntini. Quindi densi. Altrove rarefatti, ma sempre capaci d'ingannare i nostri occhi. Da lontano i colori si distendono, nell'avvicinarsi compai