Passa ai contenuti principali

Calendario dell'Avvento di Sciarada:la porta azzurra




Ed eccomi qua a partecipare 
all'iniziativa del Blog Animamundi 
e del suo Calendario dell'Avvento.

16 giorno:la porta

Quando l'ho vista
avevo vent'anni.
Ero in compagnia dell'amica del cuore.
Stavo per sposarmi
e ci volevano proprio due giorni
di stacco,
di alta montagna per far decantare
pensieri ed affanni.


Credits

Su una roccia,
al confine con il cielo,
per un sentiero impervio
e ripidissimo
stava un capanno  di pietra 
con una porticina azzurra.

Immediatamente ci fantasticammo,
raccontandoci storie
di altri mondi,
di incontri,
di magie ed incantesimi
al di là
di quel varco.

Ne ridemmo per giorni.


Credits

 Il fascino delle porte,
di quanto possono raccontare,
mi è rimasto.

Pochi giorni fa,
nel tempo del Natale che s'avvicina,
l'ho ritrovata.




D'un grigio azzurro elegante,
una stella in alto,
tonda e magica quanto basta,
da mettere sulla neve,
da appoggiare ai piedi di un albero,
pronta per raccontarci nuove storie,
per farci sognare,
quando ne abbiamo bisogno.


Mi viene da sorridere.

So a chi regalarla.

 Mi piacerebbe però sapere
cosa immaginate
possa celare.

Ci proviamo?


Credits

Storie di folletti e fate,
storie di persone  felici,
storie di luoghi lontani
e di animali parlanti
o più semplici avventure 
di famiglie
che non sono perfette,
che hanno vicende da dimenticare,
che hanno momenti di incanto
ed altri di fatica.
Che sanno aprire la porta al nuovo
per farci entrare la festa.

Arriva mio figlio dall'America
la voglio tener spalancata.

Ed avanti con le storie...

Per il momento passo il testimone a

http://negus-reale.blogspot.it/





Commenti

  1. Fantastica la porta azzurra oltre la quale si incontrano mondi infiniti in cui ognuno di noi può trovare quello che cerca; bravissima Lorenza, complimenti per la spiccata fantasia e grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per la bellissima iniziativa!
      Un abbraccio

      Elimina
  2. Bellisimo Lorenza!
    Io immagino che oltre la porta ci sia il domani.
    Un bacio e auguri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo,il domani con tutto il bello e purtroppo anche il brutto che ci arriva...
      Auguri anche a te!

      Elimina
  3. Buongiorno ! Anch'io ho partecipato al Calendario dell'Avvento. Bellissimo il tuo post . Io immagino che dietro a quella porta azzurra ci sia la speranza di un futuro migliore per tutti. Un saluto e buone feste.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me piace trovare il bello,la speranza,il sereno al di là della porta!
      Un abbraccio

      Elimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Bel post il tuo e bella l'idea di una porta colorata a cui pensare di poter bussare. Io ne vorrei una per i momenti di difficoltà, di stanchezza... un luogo dove poter ritrovare serenità, salute e nuova energia.
    Buon Natale a te ed ai tuoi cari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello il tuo pensiero...speriamo di trovarla sempre quella porta!
      Un abbraccio

      Elimina
  6. Una bellissima storia, tra realtà e fantasia.

    RispondiElimina
  7. Potrebbe celare la possibilità di viaggiare nel passato e nel futuro, ma non è granché originale. Buon Natale e grazie per il passaggio di testimone!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'idea di viaggiare nel tempo è molto bella...ci posso provare!
      Un abbraccio

      Elimina
  8. Bella e originale come idea.Una porta mi fa pensare a tante cose,anche discordanti.Aprirla e trovarvi le cose belle che ho lasciato per strada,un tuffo nel passato,ma anche scoprire che dietro quella porta ci sono nuovi mondi che potrei conoscere...Felice Natale.Bello e scoppiettante il tuo blog.

    RispondiElimina
  9. Mi piacerebbe trovarci l'allegria dietro la porta azzurra. Buon Natale!!!

    RispondiElimina
  10. Ciao Lorenza! L'azzurro come colore infonde serenità ed io immagino di trovarci un posticino dove ritrovarla. Bellissimo il tuo post! ^_^
    Un bacio e tantissimi auguri!!
    Sy del Blog Inartesy

    RispondiElimina
  11. Ciao Lorenza, buon Natale a te e alla tua famiglia, un abbraccio e felice anno nuovo!

    RispondiElimina
  12. Fantastico questo tuo post ...e devo dirti che anche per me sono affascinanti le porte ...sono felice per te anche mio figlio vive all'estero un po più vicino del tuo ...e immagino quel che provi ...ti auguro di cuore Buone Feste con la tua famiglia la porta del nostro cuore è aperta per accogliere con amore ... un abbraccio

    RispondiElimina
  13. Oltre alla porta tanti pensieri felici,è il mio augurio per un buon Natale.
    Ciao, fulvio

    RispondiElimina

Posta un commento

Non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta a Inviami notifiche per essere avvertito via email di nuovi commenti al post.

Post popolari in questo blog

I Cacciatori nella Neve:raccontare un dipinto

Tutto comincia da un quadro e da cosa può raccontare.   (Un consiglio,fate partire la musica.)   L'atmosfera,i colori,la ricchezza dei particolari,i personaggi,il silenzio,la fatica dei passi sul declivio,i pensieri,il fascino,il mistero,la fiaba,la malinconia,il passato,la magia,i villaggi,le case,le montagne,il cielo,la luce...tutto davanti ai nostri occhi,ingrandito sullo schermo della lavagna interattiva ,un mattino di febbraio e gli alunni,attenti,seduti tra i banchi. Adoro questi momenti. L'arte di Bruegel stamattina si fa prossima. Diventa un mezzo per crescere,per immaginare,per raccontare,per meravigliarci,per amare qualcuno che molto tempo fa ha incastonato alberi e persone e cielo e montagne in un abbraccio di ghiaccio. Questo è febbraio,dicono i ragazzi. Lo osservano,anzi vogliono i tablet ,i miei nativi digitali ,per ingrandire e vedere cosa vi è altre il vicino,il mostrato ed anche io imparo,scopro e scrivo. Assieme annotiamo tutto.

E Malama:Canto di guarigione per la madre Terra

 Mi sono svegliata presto. Credits Prevedo la classica giornata di una maestra  che va a scuola a preparare l'aula ed i primi lavori dei bimbi. Mi incanto a guardare il sorgere del sole, per un attimo mollo i pensieri,il da farsi,il consueto,la velocità e scrivo ad un'amica: "Oggi necessito di una spiaggia con davanti il mare,semmai pure l'oceano." Ed è così che nasce il canto da proporre lunedì agli alunni,di certo più storditi di me. Credits Canto di guarigione per la madre Terra,così si chiama: E Malama .( Testo ) Lo eseguono gli hawaiani  davanti alle onde. L'ho imparato al Workshop di canto corale a cui ho partecipato,da un Maestro dal talento incredibile  Yoshihisa Matthias Kinoshita . Credits Il mio ragazzo ha accettato di seguirmi in questa idea  e mi ha accompagnato alla chitarra,lui che suona il violino. Voglio cominciare con calma,lunedì, a piedi scalzi sull'erba del prato che circonda l

Il Cammino dei Re Magi

C'era una volta un gruppo di amici. Erano dei Re ed avevano molteplici incombenze: consigli da elargire, direttive da annunciare, cerimonie da presiedere. Nonostante questo,la loro inclinazione profonda era ben un'altra. Mai completamente appagati, erano sempre pronti ad alzare lo sguardo, a porsi delle domande e a partire. Dunque erano spesso in cammino. Insieme discorrevano,osservavano,riflettevano od anche stavano in silenzio lasciando che i passi parlassero in loro vece. Ciò non stupiva nessuno. Erano Magi, tipi insoliti,decisamente inquieti, studiosi del mondo e del suo divenire. Poi accadde quella volta. Erano in un deserto spazzato dal vento del Sud, in una notte silenziosa e la videro: la stella più lucente mai sorta proprio sull'orlo dell'orizzonte. Così decisero. Dal momento che erano Re non vi  fu nulla da dire. Partirono. Fu un viaggio lungo,pieno di difficoltà. Attraversarono lande desolate, boschi fitti, rocce infinite di tempi antichi, sabbie roventi, alt