lunedì 8 febbraio 2016

Una pausa

Nei giorni
di una mini vacanza
e di un maxi raffreddore
si può stare
più a lungo
in sosta
tra le mura di casa.


Con le mani 
e  la testa libera
(non il naso...),
ogni stimolo,
ogni dettaglio,
diventa un'occasione
per un nuovo progetto.


Per un inverno che ancora
s'ha da fare,
m'invento
una fascia 
per le mattine a Torino:
lana grossa,
morbidissima,
nei colori di oggi
e mezze maglie alte lavorate 
a coste.


Nel tempo di una sera,
tra tisane e suffumighi,
s'avvolge
attorno al capo,
magari con un fiocco
per renderlo più gentile,
più adatto a lei.


E dopo,
al mattino
appare un'alba luminosa:


sul tavolo spuntano cuori,
diversi e colorati
e accanto
alcuni baci,
mandorle e burro 
abbracciati al cioccolato.
Quando si sta meglio
si sente il bisogno
di una coccola aggiuntiva.


Poi si esagera
con il rosa
da sistemare nella tinozza:


può essere che domani
ne senta il profumo
e ne nasca una nuova idea.

Cominciamo con il capelli.


I like these flowers
because they smell like spring.






7 commenti:

  1. I love the knitted headbands. I also love the lace curtain panel.

    Thank you for your visit and nice comment,
    Carolyn

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I'm very happy!!!Your blog is lovely!

      Elimina
  2. Bella la mini vacanza, bello il tempo a casaqua diluvio , ho fatto mille cose e sistemato il cesto della lana, venerdì inizio il secondo corso, non vedo l'ora!
    Un abbraccio
    Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei veramente in gamba!Grazie di esserci!
      Un abbraccio

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Eccomi qua Lorenza...in fuga da Fb, ho riscoperto il piacere intimo e delicato che si respira fra le pagine di un blog! Leggerti è sempre un piacere...

    RispondiElimina
  5. Grazie mia cara,non sai quanto sia bello leggerti...ovunque sarai!
    Un abbraccio

    RispondiElimina