domenica 6 marzo 2016

Il compleanno


Nel pomeriggio
ti sei riempita le mani 
di rami profumati
e li hai sistemati
al solito posto 
e in giro per le stanze.


L'indomani
la coltre bianca ha coperto
ogni cosa,
in un diluvio di fiocchi:
il giardino e la mimosa lassù
sembrano troppo lontani.


Eppure c'è un compleanno da festeggiare.
Una vita che ha cambiato le altre.


Sotto la nevicata,
con l'auto lenta 
per le strade ingombre,
torni a casa
con un cestino di fragole.



L'angel cake di Irene
deve portare primavera
come i tralci gialli
sparsi tra pane e bicchieri.


La prima fragranza
esce calda dal forno
e finisce subito:
questa focaccia ai semi vari
apre la festa
e diffonde euforia
nel vociare tra i piatti.


Qualcosa di "vecchio",
come le storie dei nonni,
seduti in testa al tavolo;


qualcosa di "giovane"
da abbracciare con gli occhi
mentre cresce
a più non posso
(e vorresti fermare);


qualcosa di "piccolo",
da tenere sulle ginocchia
e guardare con avidità
quando si meraviglia del dolce,


della luce tremula da accendere insieme,
delle fragole,mai viste prima.


Per non parlare
delle sue note al piano,
davanti a spartiti
che raccontano
di aiuti,
di forze,
di una compagnia,
che va ben oltre la nostra.


Dopo questo,
venga pure la sera.

Gli occhi sono sazi,
come pure il nostro appetito
e il cuore ringrazia.


Il giardino,
però,
ancora aspetta.


You raise me up, so I can stand on mountains; 
You raise me up, to walk on stormy seas; 
I am strong, when I am on your shoulders; 
You raise me up… To more than I can be. 


You raise me up





3 commenti:

  1. Quanto amore!!!!! Che bella famiglia, il piccolino e' una meraviglia!!!! Auguroni e un grande abbraccio Lory

    RispondiElimina
  2. La gioia pura, l'allegria, l'ottimismo, il senso di futuro e di fiducia che donano i nostri cuccioli!
    Un bacio e una carezza di auguri
    Emanuela

    RispondiElimina